SFILATE MODA

Bottega Veneta estate 2017, scarpe vestiti e borse

By  | 

Zeppe, sandali e calzini, francesine, abiti eleganti e facili e 15 diverse borse per la primavera estate 2017 di Bottega Veneta.

bottega-veneta-estate-2017-borsa-hutton-e-scarpe

Eleganza abilità artigianale e sartorialità, si può riassumere così la bella collezione estiva che Tomas Maier ha presentato durante le sfilate di Milano Moda Donna per i 50 anni di storia di Bottega Veneta. Vediamo la collezione.

Le scarpe di Bottega Veneta Primavera estate 2017

Francesine con  la zeppa rosse o bicolore  con calzino nero trasparente, scarpe aperte dietro sempre con zeppa altissima  in bordeaux, mentre il sandalo nero abbinato alla tuta  viola e a più capi della collezione ha la zeppa di corda e viene indossato  con calzini velati  o senza. La palette dei colori spazia dal nero al rosso al marrone passando per il bordeaux ma spiccano le scarpe chiuse estive verdi.

Gli abiti della collezione

Una lezione di eleganza pura e semplice, quasi un messaggio in netta contrapposizione con le tendenze emerse dalle sfilate milanesi dove gli eccessi hanno regnato sovrani. Bottega Veneta risponde con una collezione primavera estate di classe dove eleganza e praticità si fondono per una sfilata che presenta abiti da giorno ed abiti da sera senza età ma punta solo a valorizzare la qualità degli abiti e lo stile.

Le borse primavera estate di Bottega Veneta

Qui troviamo il momento più commovente della sfilata alla quale ha partecipato Lauren Hutton protagonista dell’indimenticabile film American Gigolo, allora l’attrice nel film esibiva una borsetta di Bottega Veneta e lo stesso modello per festeggiare i 50 anni della maison italiana è stato riproposto,  a mostrarlo in passerella è stata la stessa Hutton che oggi ha  72 anni, ma è ugualmente bellissima.

Conclusione: se le sfilate di moda fossero sempre così dove ammiri l’abito e viene messa in evidenza la storia e la capacità di produzione dell’azienda probabilmente le stesse aziende ne trarrebbero beneficio, invece di continuare a proporci un circo mediatico dove regna solo confusione e cattivo gusto. 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *