GUIDE

Gambe corte e grosse? Ecco le scarpe più adatte per te

By  | 

Che scarpe scegliere per valorizzare una gamba corta e non proprio sottile? E quali evitare? Buoni consigli dalle pump alle sneakers per slanciare il vostro corpo e valorizzarlo.

 

La prima regola per apparire belle è piacersi e amarsi, si sa. Ha fatto scalpore la dichiarazione della bellissima Shakira, che ha rivelato di esser stata convinta, da adolescente, di avere le gambe troppo corte: se anche fosse, farsene un problema non aiuta a sentirsi a proprio agio con il look.
Valorizzarsi, al contrario, è un approccio più costruttivo: è sempre importante scegliere vestiti, trucco, acconciatura che possano mettere in risalto i propri pregi senza evidenziare i punti deboli, e ciò vale anche per le scarpe, naturalmente.
Chi è bassina e un po’ abbondante può andare alla ricerca dei modelli più adatti a valorizzare la figura e l’andatura seguendo i consigli che seguono, dritti dalla moda.

Vedi anche: Scarpe da corsa per persone in sovrappeso

Quali scarpe slanciano le gambe corte?

Tacchi, tacchi tacchi. Il segreto delle scarpe alte, infatti, sta nel fatto che quando infiliamo il piede in una calzatura con un tacco (anche medio) la caviglia disegna un arco fra il tallone e il polpaccio e appare così più sottile, salvando dall’effetto “tronco”.

Non tutti i tacchi fanno il loro lavoro, però. Quelli vertiginosi e a spillo sono perfetti – se riuscite a camminare con disinvoltura – e hanno il vantaggio di essere intramontabili (prendiamo spunto dalle esilissime linee di Louboutin, Francesco Russo o Sergio Rossi). Non abbinateli, però a un cinturino alla caviglia, lasciate quindi perdere tutte le scarpe anche se di moda con cinturini  che stringono la caviglia.

Se preferite muovervi su altezze meno estreme, ricordate di dirigervi su modelli che lascino il piede il più possibile scoperto, senza lacci, cinturini e intrecci che nascondano il collo (come nel caso delle estrose, ma inadatte mezzo tacco di Valentino) Molto meglio Jimmy Choo o Gianvito Rossi, o anche  le scarpe di Cafè Noir  Una décolleté a punta, anche se non è tacco 12, risulta sempre elegante e inganna l’occhio sulle proporzioni.

Da evitare, invece, tacchi molto grossi e squadrati, comunque appariscenti: si stemperano soltanto sulle gambe sottili e chilometriche, e accendono un faro da interrogatorio su quelle invece più “compatte” (bocciate queste Fendi  Miu Miu e Jil Sander per esempio.

Attenzione anche alle zeppe: meglio se sagomate o decorate in modo da confondere le linee (tipo queste bellissime Saint Laurent e Lanvin, cui perdoniamo il timido laccetto , o le spiritose Nicholas Kirkwood , o ancora Valentino, più basse e versatili  in ogni caso calzature di questo genere dovrebbero – per trovar posto nella vostra scarpiera – avere un certo dislivello fra tacco e punta, no agli “zatteroni” monocolore che vi farebbero sembrare un elefante.

Giornalista, ama tanto le scarpe e la buona cucina

    Leave a Reply

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.